giovedì 27 maggio 2010

Tracheobronchite infettiva: la tosse dei canili

La tracheobronchite infettiva è una sindrome respiratoria ad elevata contagiosità, più spesso conosciuta come: tosse dei canili.

Eziopatogenesi: trattasi di una patologia multi fattoriale ovvero causata da una concomitanza di agenti patogeni differenti in grado di attecchire in particolari condizioni ambientali ad essi favorevoli. I principali responsabili sembrano essere: l'adenovirus canino tipo 2, il virus parainfluenza tipo 2, l'herpesvirus canino ,il reovirus canino, la bordetella bronchiseptica e i mycoplasmi. I fattori ambientali che contribuiscono all'insorgenza di tale malattia sono: il sovraffollamento, lo stress e le scarse condizioni igienico sanitarie. In linea generale i cuccioli (soprattutto al di sotto delle 3 settimane di vita) o, all'opposto, cani particolarmente anziani e/o debilitati sono quelli più a rischio. La trasmissione avviene da animale malato a animale sano tramite le secrezioni respiratorie eliminate con tosse e starnuti: ciò significa che l'infezione avviene per via aerea e, pertanto, la concentrazione di patogeni nell'aria risulta un fattore determinante. Un altro aspetto importante per la diffusione è il ruolo giocato dai cosiddetti “animali portatori” ossia quei soggetti che, pur avendo superato la malattia, in fase di convalescenza sono ancora in grado di eliminare agenti patogeni per un periodo di tempo anche lungo, fino a 2-3 mesi. Il periodo d'incubazione è mediamente una settimana, dopodichè la malattia tende a manifestarsi inizialmente in pochi soggetti per poi coinvolgere quasi tutti gli appartenenti ad un determinato gruppo (allevamenti, canili, pensioni, in generale luoghi ad elevata concentrazione di animali).

Segni clinici: la malattia si manifesta sostanzialmente in due forme. Una, più comune, ad andamento “benigno”, caratterizzata da tracheobronchite autolimitante: in questo caso si verifica una tosse secca, forte, spasmodica, non produttiva e persistente.image I sintomi possono scomparire o persistere fino a 2 settimane. Spesso, insieme alla tosse, compaiono congiuntiviti, sinusiti, tonsilliti, faringiti, ma per la maggior parte del tempo lo stato generale del cane non viene colpito. Nella forma più grave si ha febbre elevata (legata all'infezione batterica secondaria), forte depressione del sensorio, letargia, anoressia, conati di vomito, associati ai violenti accessi di tosse, ed evoluzione a vera e propria polmonite, con dispnea e tachipnea. Generalmente le manifestazioni durano da 1 a 3 settimane; la morte può sopravvenire solo nei casi complicati da infezioni batteriche secondarie o dal virus del cimurro.

Diagnosi: normalmente si basa sull'anamnesi (quali ad esempio la provenienza, allevamenti,canili, negozi, dell'animale o l'eventuale “soggiorno”in luoghi ad alta densità canina, come le pensioni) e sui segni clinici. La diagnosi di laboratorio può essere utilizzata per mettere in evidenza gli agenti responsabili e per inquadrare meglio la terapia. È possibile prelevare un campione di secrezioni nasali per ricercare la presenza di virus e batteri.

Terapia: sebbene molte forme tendano ad essere autolimitanti, viene convenzionalmente consigliato di effettuare una terapia antibiotica per prevenire l'evoluzione in forma complicata soprattutto da infezioni batteriche secondarie. image L'antibiotico d'elezione è la doxiciclina da somministrare per via orale alla dose di 5-10mg/Kg una volta al giorno, minimo per 2 settimane fino ad arrivare ad un mese intero in animali che vivono in ambienti sovraffollati. Si possono anche associare antiinfiammatori, antitussigeni  ed eventualmente broncodilatatori. Sarebbe poi opportuno un periodo di 30 giorni di osservazione prima di reintrodurre l'animale in un gruppo, dato il rischio di eliminazione di agenti patogeni anche dopo la risoluzione dei segni clinici.

Prevenzione: un regolare e appropriato piano vaccinale rappresenta un ottimo ausilio per prevenire tale patologia. Gli attuali vaccini polivalenti danno copertura anche contro gli agenti virali coinvolti in questa forma di tracheobronchite (adenovirus e virus della parainfluenza). Nei cuccioli normalmente si inizia all'ottava settimana con un richiamo dopo 3-4; in soggetti particolarmente a rischio è possibile procedere con una prima vaccinazione alla sesta settimana di vita e richiami a 9-11 e 12-14 settimane. Esiste anche un vaccino contro la Bordetella Bronchiseptica consigliabile non nei normali protocolli per cani che vivono in casa, ma piuttosto in ambienti ad alto rischio di contagio.

A cura dello staff della clinica
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

3 commenti:

  1. salve ho letto quanto scritto da voi e mi è stato molto utile per capire questa malattia. Mi chiamo Monica ho un allevamento amatoriale di quindici cani tenuti in ambienti molto ampi, puliti, e durante la giornata possono correre liberamente per tutto il nostro appezzamento di terreno. Nonostante tutte le mie premure sull' alimentazione, piuttosto che sulla pulizia siamo stati colpiti da questa tosse. La mia domanda è questa ... il veterinario insiste per far un tampone ai cani e vedere di che virus si tratta...dice che se si tratta di Bordetella causata ad esempio da herpex virus, questa malattia si ripresentera'... e nemmeno con il vaccino riusciro' a sconfiggerla...è vero?
    Grazie anticipatamente per la Vs risposta

    RispondiElimina
  2. salve ho letto quanto scritto da voi e mi è stato molto utile per capire questa malattia. Mi chiamo Monica ho un allevamento amatoriale di quindici cani tenuti in ambienti molto ampi, puliti, e durante la giornata possono correre liberamente per tutto il nostro appezzamento di terreno. Nonostante tutte le mie premure sull' alimentazione, piuttosto che sulla pulizia siamo stati colpiti da questa tosse. La mia domanda è questa ... il veterinario insiste per far un tampone ai cani e vedere di che virus si tratta...dice che se si tratta di Bordetella causata ad esempio da herpex virus, questa malattia si ripresentera'... e nemmeno con il vaccino riusciro' a sconfiggerla...è vero?
    Grazie anticipatamente per la Vs risposta

    RispondiElimina
  3. Buongiorno, come descritto nell'articolo la tosse dei canili ha un'eziologia multifattoriale in cui sono coinvolti virus e batteri come la Bordetella.
    La copertura contro la maggior parte dei virus è data dai normali vaccini, mentre per la Bordetella esiste un vaccino apposito che le consiglierei di far eseguire data la convivenza di un numero elevato di cani. Per quanto riguarda i tamponi la loro esecuzione deve sempre essere associata a sintomi compatibili in quanto anche negli animali sani è possibile isolare Bordetella dall'apparato respiratorio. Restiamo a diposizione per ulteriori informazioni direttamente alla mail info@clinicaborgarello.it

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: