mercoledì 19 maggio 2010

LE PULCI: ctenocephalides felis …

Le pulci che infestano i nostri animali domestici appartengono al genere Ctenocephalides e, allo stadio adulto, si comportano da parassita permanente. In caso di elevata infestazione ambientale possono aggredire anche l'uomo. image

C.felis è la specie più diffusa perchè si è perfettamente adattata alle condizioni ambientali presenti nelle nostre case. E' un insetto di 2-4 mm di lunghezza, di colore scuro. Il corpo è appiattito in senso latero-laterale, caratteristica che lo rende idoneo a muoversi velocemente nel mantello dei nostri animali. Le pulci adulte si riproducono circa 48 ore dopo il primo pasto di sangue. Ogni femmina depone in media 20-30 uova al giorno, per 2 mesi; le uova, lisce e di forma ovale, non sono fissate al mantello dell'ospite ma cadono nell'ambiente dove l'animale sta. Nelle giuste condizioni, in pochi giorni danno origine a larve che si nutrono delle deiezioni delle pulci adulte. Queste larve, muovendosi in senso orizzontale, si nascondono nei tappeti, tessuti e angoli bui della casa e, dopo una serie di mutazioni, si trasformano in adulti. Le giovani pulci vanno solitamente alla ricerca di un ospite, ma possono sopravvivere a digiuno per 1 settimana circa. Il ciclo biologico della pulce ha una durata variabile dai 14 ai 140 giorni a seconda della temperatura e dell'umidità ambientale. Il periodo di maggiore attività coincide con la stagione primaverile-estiva e a causa del riscaldamento, all'interno delle abitazioni, il ciclo biologico può svolgersi anche in inverno.

Per il trattamento dell'animale i prodotti più usati sono:

  • FIPRONIL: è un adulticida topico che inibisce in modo non competitivo l'acido gamma-aminobutirrico (GABA). Agisce molto rapidamente e porta alla morte del parassita per ipereccitabilità (100% di mortalità in circa 4 ore). Esiste in formulazione spray, utilizzbile già dall'età di 2 giorni, e spot on. Anche se il fipronil resiste bene agli shampoo, si consiglia l'applicazione ogni 3-4 settimane nei cani che vengono lavati frequentemente.

  • PERMETRINA: è un adulticida topico che agisce per contatto. La pulce muore per ipereccitabilità e paralisi

  • IMIDACLOPRID: è un adulticida topico che uccide le pulci causando arresto della conduzione nervosa

  • NITEMPYRAM: è un adulticida sistemico che interrompe la conduzione nervosa della pulce adulta portandola a morte. L'effetto è visibile 15-30 minuti dopo la somministrazione del prodotto per via orale ma il prodotto non ha alcuna attività residuale

  • IGR (regolatori della crescita): interferiscono con la crescita e lo sviluppo degli insetti.

  • LUFENURON: interviene sulla schiusa e sulla fuoriuscita delle larve che muoiono per essicazione.

La lotta alle pulci dev'essere pianificata a seconda del singolo caso, considerando le condizioni ambientali e le condizioni cliniche del soggetto. Sono presenti sul mercato moltissimi prodotti da usarsi in combinazione a seconda del risultato che si vuole ottenere. Il trattamento dovrebbe essere studiato insieme al proprietario e bisogna accertarsi che questo comprenda la terapia e sia in grado di somministarla correttamente.image Il trattamento ambientale è fondamentale per controllare gli stadi non parassitari che rappresentano il 95% della popolazione. La pulizia con aspirapolvere o battitappeti delle superfici e degli anfratti della casa è sottovalutata ma molto importante. Esistono, poi, prodotti chimici per rinforzare questo trattamento. Gli IGR servono per bloccare il ciclo delle pulci nell'ambiente e devono essere usati in associazione ad un prodotto adulticida che, uccidendo gli adulti appena escono dal bozzolo, gli impedisce di salire sull'ospite.

Molte volte non si riescono a debellare le infestazioni da pulci dei nostri animali per una errata somministrazione dei prodotti antiparassitari.

La formulazione più utilizzata negli ultimi anni, per la sua efficacia e la praticità, è sicuramente lo spot-on a base di fipronil.

Guarda in questo video come trattare correttamente il tuo animale.

A cura dello staff della clinica
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: