venerdì 9 settembre 2011

Le cellule del sangue

Iniziamo con questo articolo un breve percorso che vi porterà a conoscere i differenti componenti del sangue e le rispettive funzioni, con particolare attenzione alle sue cellule.

cellulesangue1
Il sangue è una sorta di “tessuto liquido” costituito da una parte “corpuscolata” ovvero da cellule (globuli rossi e globuli bianchi) e loro frammenti (piastrine) e da una parte “fluida” detta plasma. Le proporzioni tra le differenti componenti, in condizioni normali, risultano abbastanza costanti (tenendo conto dell'età e della specie di appartenenza).

cellulesangue2

I globuli rossi, anche detti eritrociti, rappresentano la parte corpuscolata più numerosa e nei mammiferi arrivano ad essere alcuni milioni per microlitro di sangue; a seconda della specie costituiscono dal 25% al 50% del volume ematico totale. Dopo i globuli rossi, la componente cellulare più rappresentativa sono le piastrine o trombociti con valori di alcune centinaia di migliaia. Per quanto riguarda i globuli bianchi o leucociti la loro percentuale è decisamente inferiore rispetto a quella dei suddetti ed oscilla tra i 5000 e i 20000 per microlitro; esistono differenti classi di leucociti (cellule diverse per struttura e funzione) e il loro numero varia a seconda della specie.

Il plasma (parte liquida del sangue) è costituito principalmente da acqua all'interno della quale si trovano proteine, sali inorganici, lipidi, carboidrati, ormoni e vitamine.

Il volume di sangue totale varia al variare della specie: è circa 7% del peso corporeo nell'uomo, 8-9% nel cane e 6-7% nel gatto. Negli animali giovani ancora in accrescimento spesso supera il 10% del peso corporeo.
Il sangue svolge funzioni di vitale importanza quali il trasporto dell'ossigeno, dei nutrienti, delle sostanze elaborate dai vari organi: ogni variazione di questi molteplici processi tende invariabilmente a riflettersi sulla sua composizione. Da questo fatto deriva l'importanza dell'ematologia e degli esami biochimici, perché rappresentano un ausilio fondamentale nel determinare le condizioni di salute di un paziente. Dall'analisi quantitativa e dalla descrizione fisica delle diverse componenti del sangue (striscio ematico, esame emocromocitometrico), eseguibili con tecniche differenti, più o meno complesse, si possono infatti ottenere informazioni di fondamentale importanza per stabilire le reali condizioni dell'animale in un dato momento oltre a monitorarne eventuali variazioni nel tempo.

cellulesangue3

In ultimo, ma non meno importante, bisogna ricordare l'utilità dell'analizzare il sangue nell'ottica di trasfusioni, pratica talvolta necessaria in corso di diverse patologie.

Nel prossimo articolo analizzeremo più nel dettaglio i singoli costituenti del sangue, partendo dai globuli rossi. Continuate a seguirci sul TgVet...

A cura della Dr.ssa Martina Chiapasco

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: