martedì 5 novembre 2013

Prevenzione della torsione di stomaco: la gastropessi preventiva

La sindrome dilatazione-torsione gastrica (GDV) è associata ad un elevatissimo tasso di mortalità (30-40%) e rappresenta una delle principali cause di morte nei cani di grossa taglia.
I tentativi di gestione medica o comportamentale suggeriti nell'articolo “” sono spesso discordanti e si basano soprattutto su dati empirici non ancora dimostrabili.
Per questo motivo nell'articolo seguente tratteremo della prevenzione chirurgica della torsione dello stomaco tramite gastropessi.
La gastropessi è una pratica chirurgica che consiste nella fissazione di una porzione dello stomaco (porzione pilorica) alla muscolatura addominale destra. Questo ancoraggio impedirebbe eventuali rotazioni anomale dello stomaco sul proprio asse scongiurando quindi l'insorgenza di GDV.

gastropessi preventiva (2)
Esistono diverse tecniche chirurgiche di fissazione dello stomaco, alcune vecchie, altre nuove e altre incredibilmente innovative. In questo articolo ve ne forniremo una sommaria descrizione.
La tecnica più datata è quella che prevede la gastropessi in laparotomia a cielo aperto. Le modalità di intervento prevedono l'esecuzione di una breccia operatoria che parte dall'appendice sternale per estendersi poi caudalmente anche per decine di centimetri. La lunghezza della breccia dipende dalle dimensioni del paziente operato. Per cui la taglia del cane è direttamente proporzionale alla lunghezza della ferita operatoria.
L'intervento in se è abbastanza invasivo: la breccia operatoria è molto estesa e i tempi di ripresa nel post-operatorio sono più lunghi.
Questa tecnica si pratica ancora oggi ma noi preferiamo ricorrervi solo per il trattamento chirurgico di un episodio acuto di GDV con torsione della milza. In tal caso infatti sarebbe impossibile risolvere la torsione per via mininvasiva o con manovre mediche.

gastropessi preventiva 5
Per la prevenzione della preferiamo invece ricorrere alle tecniche chirurgiche mininvasive che prevedono l'utilizzo di sistemi video che introdotti all'interno dell'addome tramite dei mini-accessi permettono di lavorare parzialmente o totalmente a cielo chiuso.
Descriviamo di seguito alcune di queste tecniche.
La tecnica laparoassistita è la più utilizzata e prevede l'esecuzione di due mini-accessi addominali: uno è riservato all'introduzione del sistema video, mentre il secondo è dedicato all'introduzione di una pinza da presa che afferra la porzione pilorica dello stomaco, così da poterla esteriorizzare e fissare alla muscolatura addominale.
I vantaggi di questa tecnica sono il rispetto della mininvasività, l'esecuzione di due sole brecce operatorie di massimo 1,5 cm di lunghezza, la ripresa rapida del paziente nel post-operatorio.
La tecnica laparoscopica è quella meno utilizzata e prevede l'apertura di ben tre mini-accessi addominali: uno consente l'introduzione del supporto video, e gli altri due si prestano all'introduzione di due pinze laparoscopiche tramite le quali è possibile realizzare l'ancoraggio gastrico a cielo chiuso.

gastropessi preventiva 3
I vantaggi di questa tecnica sono, come nella precedente, il totale rispetto della mininvasività, l'esecuzione di tre brecce operatorie di massimo 1,5 cm di lunghezza, la ripresa rapida del paziente nel post-operatorio. Inoltre in questa tecnica nessun organo viene esteriorizzato e l'intervento viene realizzato interamente all'interno dell'addome.
Dobbiamo però ammettere che i tempi di esecuzione dell'intervento sono molto più lunghi ed è necessario aver maturato un'esperienza notevole in chirurgia laparoscopica data la precisione di manualità richiesta in questa tecnica.
Nella ci avvaliamo della collaborazione di un preparatissimo staff che ha ideato una nuova tecnica di gastropessi mininvasiva che prevede l'esecuzione di un solo mini-accesso addominale di circa 3 cm di lunghezza.
La tecnica è incredibilmente innovativa e rispetta pienamente i canoni della chirurgia minivasiva:
-ferita operatoria di pochissimi centimetri -ridotto rischio di infezioni nel post-operatorio -riduzione del dolore post-operatorio -riduzione dell'utilizzo di farmaci antalgici ed antibiotici -riduzione della degenza in clinica
gastropessi preventiva 4
La tecnica da noi utilizzata prevede inoltre una notevole riduzione dei tempi di esecuzione, fatto che influenza positivamente la ripresa del paziente nel post-operatorio.
Siamo certi che questa sia l'unica tecnica in grado di accorpare tutti i vantaggi delle altre tecniche video-assistite e nello stesso tempo abolirne gli svantaggi.
Questa innovazione permette di affrontare la scelta della gastropessi preventiva in totale armonia con il rispetto del benessere animale e oggi il proprietario può decidere di far percorrere al proprio cane la via operatoria meno accidentata aderendo al nostro programma di prevenzione chirurgica minivasiva della torsione di stomaco.
Il medico veterinario si cimenta in ogni sforzo professionale per il benessere dei suoi pazienti. Per questo invitiamo i proprietari di razze canine grandi e giganti a prendere coscienza del reale rischio di letalità della GDV e a valutare la possibilità di effettuare la gastropessi il prima possibile affinchè essa abbia effettivamente un ruolo preventivo.
A cura della dott.ssa
Katiuscia Camboni della Clinica Veterinaria Borgarello.
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: