martedì 25 settembre 2018

La Sindrome Brachicefalica nel Cane: Plastica delle Narici

plastica delle narici

Nella maggior parte delle razze brachicefale si ha una marcata lassità del legamento nasale laterale. Questa lassità non permette di mantenere tesa lateralmente la plica alare e di conseguenza non permette di tenere dilatato l'adito delle narici.

Questa alterazione viene definita Stenosi delle narici. Spesso si assiste ad una vera e propria chiusura dell'adito delle narici.

Esistono diversi gradi di stenosi come possiamo vedere dall'immagine seguente

PLASTICA DELLE NARICI 4

A: Narici aperte
Le narici risultano normalmente aperte

B: Narici leggermente stenotiche
La plica laterale non arriva a toccare il setto mediale. Durante la fase di esercizio sotto sforzo (ETT) le narici tendono a muoversi dorso lateralmente per aprirsi e permettere un'ottimale ingresso d'aria in inspirazione

C: Narici moderatamente stenotiche
La plica laterale tocca il setto mediale a livello dorsale, mentre la parte ventrale tende a rimanere più aperta. Durante la fase di esercizio sotto sforzo la parte dorsale delle narici non è in grado di muoversi dorso-lateralmente. Si contraggono i muscoli intorno per allargare le narici.

D: Narici severamente stenotiche
Le narici risultano completamente chiuse. Durante la fase di esercizio sotto sforzo il paziente è costretto a reclutare l'aria per via orale. Pertanto apre la bocca per respirare.

Durante la fase inspiratoria si ha un restringimento più marcato rispetto alla fase espiratoria a causa del maggior flusso d'aria in ingresso. 
All'interno delle narici troviamo un'altra struttura che concorre a creare ostruzione al passaggio dell'aria: i turbinati. Le modificazioni anatomiche hanno spinto caudalmente queste strutture che spesso si ritrovano nel rinofaringe, e tendono ad avere lesioni da contatto a causa del poco spazio in cui sono costretti.

PLASTICA DELLE NARICI BULLDOG

Purtroppo, non è possibile intervenire chirurgicamente a livello dei turbinati, ma è possibile tramite la plastica delle narici, modificare e quindi allargare l'adito delle narici.

Presso la nostra struttura ci avvaliamo della tecnica di chirurgia plastica che prevede l'asportazione verticale di un cuneo di tessuto in corrispondenza della cartilagine alare. Ciò permette l'allontanamento della plica alare laterale dal setto mediale, e di conseguenza il reclutamento dell'aria in inspirazione risulta nettamente agevolato.

L'intervento si esegue in anestesia generale subito dopo la resezione del palato molle.

L'intervento rispetta i canoni estetici della razza e non è doloroso per il nostro paziente che trae subito beneficio una volta sveglio.

Ponendo l’attenzione alle immagini sopra, vediamo i diversi stadi dell'intervento di plastica delle narici: Prima, Dopo ed Una settimana dopo l'intervento.

Consigliamo vivamente la Stadiazione della Sindrome brachicefalica in tutti i soggetti brachicefali per scegliere insieme il percorso più adatto ad ognuno di loro. Infatti non è detto che la plastica delle narici sia la soluzione giusta per tutti i nostri amici brachicefalici. La scelta di intervenire o meno dipende da un’attenta valutazione del medico veterinario esperto.

Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello

Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli