martedì 18 settembre 2018

Il prurito nel gatto

Il prurito nel gatto è un frequente sintomo che viene spesso sottovalutato dai proprietari perchè si manifesta solamente con un eccessivo leccamento e auto-toelettatura e il proprietario può non notarlo finchè sul mantello non si creano delle vere e propri lesioni.
Per identificare la causa del prurito è necessario un iter diagnostico preciso e completo in cui la compliance del proprietario svolge un ruolo fondamentale:
- ANAMNESI cioè la raccolta dei dati, è importantissima per acquisire dati circa

  • lo stile di vita del gatto, il possibile contatto con altri gatti o altri animali puà rappresentare un fattore di rschio per malattie funginee e parassitarie
  • animali conviventi che possono avere sintomi simili. E' importante anche sapere se qualcun dei famigliare ha problemi cutanei perchè questo potrebbe far sospettare una micosi
  • trattamenti antiparassitari devono essere annotati il nome del prodotto e la frequenza con cui i trattamenti devono essere fatti
  • età di insorgenza del problema, in gattini mostrano una maggior predisposizione per la malattie parassitarie e funginee
  • alimentazione, sapere cosa mangia il gatto e se sono stati fatti cambi alimentari nell'ultimo periodo
  • stagionalità della patologia può far sospettare un problema allergico stagionale 
  • risposta a precedenti terapie soprattutto con glucocorticoidi può indirizzare verso un problema allergico
- ESAME OBIETTIVO GENERALE permette di valutare lo stato di salute del gatto e le eventuali patologie concomitanti
- ESAME DERMATOLOGICO in cui il mantello dell'animale viene esaminato in modo accurato alla ricerca di qualunque anomalia.



Nel corso della visita dermatologica vengono eseguiti numerosi test quali:
- spazzolatura del mantello con raccolta di materiale
- raschiato cutaneo per rilevare la presenza di acari
- esame tricoscopico per valutare anomalie dei bulbi o peli spezzati compatibili con l'autotraumatismo
- esame citologico di preparati microscopici derivanti da croste, pustole o placche
- esame colturale per la ricerca di miceti
- dieta  di eliminazione in caso si sospetti una reazione avversa al cibo
- test sierologici per confermare un problema allergico

Le possibili diagnosi differenziali del prurito nel gatto sono: 
- ectoparassiti come pulci a acari
- problemi allergici alimentari o ambientali

Prossimamente torneremo a parlare del prurito vedendo quali sono le possibili soluzioni e terapie, se intanto hai bisogno di un consulto non esitare a contattarci al numero 337-200200 
Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli