martedì 18 giugno 2019

Ipercalciuria del coniglio



L’ipercalciuria è una patologia piuttosto comune nel coniglio da compagnia.
In inglese è anche chiamata “sludge” ossia fanghiglia vescicale. Consiste nell’accumulo in vescica di una quantità anomala di microscopici cristalli di calcio, che si depositano e si compattano, formando un ammasso semisolido, pastoso, che il coniglio non riesce più ad espellere quando urina.
L’urina del coniglio è normalmente ricca di cristalli di calcio, che in un animale in salute vengono espulsi con l’urina. In caso di ipercalciuria, invece, questi cristalli sedimentano e si addensano causando una serie di disturbi, come dermatite perineale più o meno grave.



Le cause di questa patologia sono in genere multifattoriali, e comprendono una serie di condizioni che impediscono al coniglio di svuotare completamente la vescica, favorendo l’accumulo progressivo di cristalli di calcio.
- Cause comportamentali: se un coniglio vive esclusivamente o quasi sempre confinato in gabbia è favorita la ritenzione di urina; in natura i conigli urinerebbero spesso per marcare il territorio.
- Cause neurologiche: lesioni al sistema nervoso (cervello, midollo spinale o nervi) possono impedire lo svuotamento completo della vescica o l’assunzione di una posizione adeguata per urinare.
- Cause ortopediche: lesioni o infiammazioni alle articolazioni (artrite) od infezioni ai piedi (pododermatite) impediscono di assumere la corretta postura per urinare o la rendono dolorosa.
- Cause urinarie: l’infiammazione della vescica o dell’uretra possono impedire lo svuotamento completa della vescica, rendere dolorosa la minzione o causare dermatite perineale.
- Obesità: un coniglio sovrappeso più facilmente si imbratterà la regione perineale con l’urina causando una dermatite ed avrà difficoltà a pulirsi adeguatamente.
- Dieta: il ruolo della dieta non è ancora del tutto chiaro.

Il meccanismo alla base dell’ipercalciuria è spesso complesso e difficile da eliminare.
Il coniglio che presenta la vescica piena di cristalli di calcio non riesce a urinare correttamente, urina poco e spesso, ha dolore e si sgocciola addosso l’urina. Può avere la pelle infiammata e spesso ha dolore e di conseguenza può presentare perdita di appetito.
Spesso l’urina ha un aspetto normale perché viene emessa solo la parte liquida mentre quella semisolida, piena di calcio, rimane nella vescica.
Nei coniglietti con ipercalciuria la vescica è di solito di consistenza e volume aumentati.



La terapia consiste per prima cosa dallo svuotare la vescica dal deposito di calcio per dare immediato sollievo al coniglio. Ciò si può effettuare nel coniglio sveglio oppure in sedazione o anestesia. In molti soggetti si può svuotare la vescica senza sedazione, comprimendo delicatamente la vescica fino a svuotarla del tutto. Se ciò non è possibile si deve eseguire la procedura in anestesia; la vescica può essere delicatamente compressa per effettuarne lo svuotamento, dopo di che si introduce un catetere e si effettuano ripetuti lavaggi con soluzione sterile tiepida, fino ad ottenere la fuoriuscita di liquido limpido. Al termine si esegue una radiografia di controllo per verificare di aver completamente eliminato il deposito di materiale.

Nei giorni successivi si effettua una terapia reidratante (per bocca o per via sottocutanea) per stimolare lo svuotamento frequente della vescica e si somministrano analgesici ed eventualmente antibiotici. Si deve correggere la gestione del coniglio, favorendo l’attività fisica ed evitando di confinarlo in uno spazio ristretto.
Utili possono essere anche alcuni accorgimenti dietetici come: fornire acqua naturale iposodica sia in abbeveratoio a goccia sia in ciotola; stimolare l’assunzione di acqua utilizzando eventualmente del succo di frutta non zuccherato (es. succo di ananas 100%); fornire fieno ad libitum (NO di erba medica) ed alimenti freschi come erba oppure cicoria, sedano, finocchio, vari tipi di insalata; somministrare vegetali diuretici come il tarassaco; evitare carboidrati, frutta e carote.


Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli