martedì 9 luglio 2019

La chetosi gravidica nella cagna


La chetosi gravidica nella cagna è una turba metabolica che può manifestarsi alla fine della gravidanza o dopo il parto.
Questa condizione colpisce cagne che non hanno sufficienti riserve di glucosio durante la gravidanza o cagne che non si alimentano a sufficienza per coprire il fabbisogno glucidico.
Si instaura così una neoglucogenesi responsabile della chetosi.
Le fattrici gravide di molti cuccioli sono anch’esse predisposte a questa malattia metabolica.
Numerosi studi sembrano suggerire, che l’ipocalcemia non gioca nessun ruolo sulla comparsa dell’ipoglicemia.


Sintomi
Nei dieci giorni che precedono il parto la cagna presenta anoressia, prostrazione , e nei casi più gravi, coma.
L’alito ha un odore di acetone. Alcuni studi indicano che questa turba del metabolismo antecedente al parto aumenterebbe il rischio di distonie.
Si osserva un numero maggiore di cuccioli nati morti e un aumento della mortalità neonatale.


Diagnosi
E’ importante accorgersi subito dei sintomi durante la fine della gravidanza.
Inoltre è necessario eseguire un prelievo per un profilo biochimico dove è possibile riscontrare ipoglicemia ma in modo incostante.
All’esame delle urine si riscontra la presenza di corpi chetonici in assenza di glicosuria. E questo sarebbe un dato patognomonico. Da non confondere con il diabete gestazionale che può insorgere durante la gravidanza ma all’esame delle urine si riscontra glicosuria e e corpi chetonici.

Trattamento
Il trattamento consiste nella somministrazione giornaliera di soluzione glucosata isogonica.
Quindi si somministra glucosio 5% ev al dosaggio di 10-20 ml/kg/h poi si prosegue con la terapia di mantenimento per bocca alla normalizzazione della glicemia.
Questo trattamento può dare buoni risultati nella madre ma non preserva i cuccioli dal rischio di ipoglicemia neonatale.
L’efficacia del trattamento si può valutare monitorando i corpi chetonici nelle urine che devono scomparire.
Inoltre se possibile indurre il parto o eseguire con il taglio cesareo.

Prognosi
La prognosi dipende dalla gravità della sintomatologia, ma se si interviene in tempi rapidi, si ha un miglioramento delle condizioni cliniche


Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  

Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli