martedì 10 dicembre 2019

Miastenia Gravis nel Cane

La Miastenia Gravis è una patologia neuromuscolare conosciuta nell'uomo e riscontrata anche nei nostri animali.
Il sintomo principale è rappresentato dalla debolezza, esacerbata dallo sforzo fisico.
Il difetto riguarda il punto di giunzione e comunicazione tra nervo e muscolo.

A questo livello viene rilasciato un neurotrasmettitore: acetilcolina. L’acetilcolina una volta rilasciata deve essere captata dal muscolo e legarsi ai suoi recettori, in questo modo sarà possibile la contrazione muscolare.

Si conoscono due forme di Miastenia Gravis: una congenita e una acquisita. Nella forma congenita mancano i recettori per l’acetilcolina a livello muscolare e i primi segni clinici iniziano a manifestarsi in cani e gatti di circa 6-9 settimane di età.

La Miastenia Gravis è stata maggiormente segnalata in alcune razze come il Jack Russell Terrier, lo Springer Spaniel Inglese e il Fox Terrier a pelo liscio. Più rara nel gatto.

                            

Nel Bassotto è stata evidenziata una forma poco comune di Miastenia Gravis transitoria: i sintomi compaiono in giovane età e scompaiono con il raggiungimento della maturità.

La forma di Miastenia Gravis acquisita invece è a tutti gli effetti una malattia immunomediata infatti gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario agiscono contro i recettori per l’acetilcolina, rendendoli inutilizzabili ed impedendo la normale comunicazione tra nervo e muscolo scheletrico.

La forma acquisita è stata segnalata maggiormente in Retriever (Golden e Labrador), Bassotto e Pastore Tedesco ma si può evidenziare anche in altre razze.

Il sintomo principale è la debolezza della muscolatura che peggiora con l’esercizio e migliora con il riposo.
Spesso nella forma acquisita si evidenziano anche: cambio della voce, difficoltà a deglutire, minor tono della muscolatura facciale.
La Miastenia Gravis può essere generalizzata o focale, nel secondo caso è frequente riscontrare come segno clinico il megaesofago che sintomatologicamente si manifesta con il rigurgito.
E’ stata segnalata anche una forma di Miastenia Gravis acquisita fulminante in cui i sintomi sono molto gravi e la prognosi è sfavorevole.
Se si ha il sospetto di Miastenia Gravis è necessario effettuare un test su un campione di sangue che ricerca gli anticorpi contro i recettori per l’acetilcolina. Questo test è disponibile solo in laboratori altamente specializzati.
La terapia si basa sull’utilizzo di farmaci immunosoppressori e anticolinesterasici.
La prognosi varia da paziente a paziente a seconda della forma di Miastenia Gravis e degli organi coinvolti. Spesso la risposta alla terapia è buona se non è concomitante una forma di polmonite ab ingestis.
Nei pazienti affetti da Miastenia Gravis spesso sono concomitanti altre patologie immunomediate quali ipotiroidismo, ipoadrenocorticismo, polimiosite, per questo motivo è  molto importante eseguire un check-up completo.



Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  

Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli