lunedì 23 dicembre 2019

Patologie dentali dei piccoli mammiferi non convenzionali

Le patologie dentali rappresentano una delle principali e più comuni malattie nei piccoli mammiferi non convenzionali.
Questi animaletti da compagnia sono rappresentati principalmente da coniglio, cavia e cincillà. Essi hanno la caratteristica di avere tutti i denti a crescita continua.
Partiamo dall’anatomia… Conigli (Lagomorfi), cavie e cincillà (Roditori) presentano sia denti incisivi, facilmente visibili scostando le labbra dell’animale, sia diversi altri denti all’interno della bocca noti come denti molariformi (premolari+molari), difficili da visualizzare ma molto importanti ai fini della masticazione.


La più comune patologia dentale prende il nome di malocclusione. La malocclusione può essere congenita oppure acquisita e può coinvolgere i denti incisivi o molariformi od entrambi.
La malocclusione congenita è quella che interessa i cuccioli, ossia è presente fin dalla nascita per alterazioni della conformazione cranica o del posizionamento dei denti incisivi. In questi casi il veterinario dovrà valutare l’eventuale asportazione dei denti incisivi per evitare continue limature in anestesia e problemi anche a carico dei denti molariformi.
La malocclusione acquisita è la più frequente causa di visita: l'animale mangia meno o smette di mangiare, presenta ipersalivazione od addirittura ascessi di origine dentale. In base alla sensibilità individuale ed al grado di patologia i sintomi potranno essere lievi fino a molto gravi.
L'unico metodo per trattare questo tipo di problema, una volta insorto, è la limatura dentale in anestesia. Questo tipo di intervento consiste nel limare eventuali "punte" dentali e nel pareggiare le corone dentali.


Importantissima è la prevenzione! Per evitare l'insorgenza di una malocclusione acquisita è fondamentale fornire innanzitutto un'alimentazione corretta: il fieno è l'alimento principale che va fornito "ad libitum" e permette una corretta masticazione; nella cavia di fondamentale importanza è anche un corretto apporto di vitamina C.

Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli