martedì 26 febbraio 2013

Cura della Displasia dell’Anca

Parliamo per una volta di Cura della Displasia dell’anca, volendo in questo modo offrire un punto di vista diverso e complementare dell’approccio tipicamente chirurgico di questa patologia.

Cura-displasia-anca

Quella che vi racconto è la storia di Pavel, un giovane Pastore Tedesco affetto da lassità articolare che risulta essere un possibile candidato per una duplice osteotomia pelvica. Pavel viene sottoposto a un indagine preventiva per la displasia dell’anca e del gomito intorno ai sei mesi di età, da cui risultano gomiti perfetti ma a livello delle anche è presente una forte lassità articolare con un alto indice di distrazione.

Considerando i dati ottenuti dalla visita clinica e dall’indagine radiografica Pavel può essere un candidato per un eventuale intervento correttivo di duplice asteotomia pelvica.

Pavel è un cane super attivo, un continuo saltare e correre. Alla luce dei dati anamnestici e clinici si decide di comune accordo con i proprietari di procedere con un approccio conservativo e di attuare una terapia multimodale in attesa di rivalutare dopo breve periodo un eventuale intervento correttivo di DPO previa ripetizione dell’indagine radiografica.

Indice-distrazione-anca

L'obiettivo è quello di instaurare la miglior terapia per Pavel basata sulla combinazione di multimodale di farmaci, integratori e procedure correttive.

Lo schema terapeutico utilizzato per Pavel si base sull’utilizzo di un mix di procedure mediche e non mediche. Le prime comprendono una scelta di farmaci atti a limitare l’insorgere del processo infiammatorio e degenerativo articolare (vanno selezionati caso per caso). La parte non medica comprende, tra l’altro, il controllo del peso e dell'esercizio fisico, una dieta arricchita in acidi grassi (EPA) e una eventuale fisioterapia riabilitativa.

La scelta di adeguati protocolli per la gestione nel breve periodo in vista di un controllo radiografico a distanza di 40 giorni inizialmente non ha portato a una significativa riduzione della lassità articolare e Pavel è stato candidato per essere sottoposto a un intervento di DPO dopo un ulteriore periodo di terapia.

Fortunatamente per Pavel ad un ulteriore controllo pre-chirurgico della lassità articolare si è avuto un netto miglioramento e abbiamo potuto evitare la seduta chirurgica!

Il caso di Pavel mi porta a fare una considerazione del tutto personale e non supportata da dati scientifici: l’applicazione di rigorosi protocolli conservativi basati su terapie multimodali possono portare, in alcuni casi, a miglioramenti della lassità articolare tali da poter riconsiderare il quadro complessivo del paziente.

Displasia-cane

Pavel dal suo canto è contento che per ora non è stato sottoposto a chirurgia, continua con la sua terapia multimodale ed è pronto ad affrontare i successivi controlli radiografici. La scelta della migliore terapia, sia conservativa che chirurgica va valutata caso per caso e discussa attentamente con i proprietari: a volte l’una non esclude l’altra e spesso possono agire in modo sinergico.

Se vuoi approfondire l’argomento leggi tutti gli articoli già pubblicati sulla Displasia dell'Anca o guarda la mini guida video Displasia dell'anca video

Articolo a cura del Dott. Bartolomeo Borgarello, Clinica Veterinaria Borgarello

Se ti servono maggiori informazioni e vuoi inviare una mail: info@clinicaborgarello.it

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: