venerdì 1 febbraio 2013

L’apparato lacrimale

L’apparato lacrimale fa parte, insieme alle palpebre e la congiuntiva, dell’apparato di protezione dell’occhio. L’apparato lacrimale è costituito da due parti con funzioni diverse: una deputata alla produzione delle lacrime, l’altra destinata al loro drenaggio.

Le lacrime hanno un’attività antibatterica, contengono ossigeno e metaboliti per nutrire la cornea, lubrificano e permettono il movimento delle palpebre sulla cornea e sulla congiuntiva, mantengono umida la superficie oculare e provvedono alla pulizia di detriti e corpi estranei.

Il film lacrimale è costituito da tre diverse componenti, disposte in tre strati: una parte mucosa, a contatto con la cornea, uno strato acquoso intermedio ed uno strato lipidico esterno. Il film lacrimale ha uno spessore di 7-10 µm. Lo strato lipidico esterno è secreto dalle ghiandole di Meibomio: esso ricopre lo strato acquoso ritardandone l’evaporazione e migliorandone la diffusione sopra la cornea e la congiuntiva. Lo strato acquoso intermedio è secreto dalle ghiandole lacrimali: la ghiandola lacrimale principale (responsabile della maggior parte della produzione di lacrime), la ghiandola lacrimale della terza palpebra, e le ghiandole accessorie di Zeiss e Moll. La prima e la seconda sono ghiandole tubulo-acinose mentre le ultime sono ghiandole sebacee e sudoripare modificate. Lo strato acquoso contiene acqua e molecole come il glucosio, l’urea e glicoproteine. Fornisce metaboliti, lubrifica e rimuove prodotti di degradazione come acido lattico e anidride carbonica. Lo strato mucoso,il più interno ed aderente alla cornea, è prodotto dalle goblet cells, cellule mucipare apocrine presenti nello strato epiteliale congiuntivale. Provvede a lubrificare, migliora l’aderenza tra la porzione acquosa e la cornea, inibisce l’aderenza batterica e previene l’essicazione della superficie oculare. Lo strato mucoso contiene mucine, immunoglobuline, urea, sali, glucosio, leucociti, enzimi e detriti cellulari.

film lacrimale

Le lacrime, che si versano continuamente nel sacco congiuntivale, si raccolgono nell’angolo mediale dell’occhio, nella regione del lago lacrimale, dove trova inizio la loro via di escrezione, rappresentata dai dotti lacrimali, che si aprono nel sacco della congiuntiva per mezzo dei punti lacrimali e che sboccano nel sacco lacrimale. Le vie lacrimali sono quindi costituite da un canalicolo superiore ed uno inferiore che si uniscono a livello del sacco lacrimale. La parte inferiore del sacco si continua inferiormente con il dotto naso lacrimale che termina a livello del meato nasale inferiore. Circa il 50% dei cani presenta anche un’apertura accessoria del dotto naso lacrimale a livello della radice del canino superiore.

A cura della Dott.ssa Valentina Declame

Se ti è piaciuto l'articolo,
iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: