La Comunicazione del Coniglio



I conigli sono animali sociali e fortemente territoriali ed è quindi molto importante conoscere la maniera corretta di comunicare per evitare di rovinare la relazione coniglio-famiglia umana.
In natura i conigli selvatici vivono in gruppi di massimo 10 soggetti. All’interno del gruppo ognuno ha il suo ruolo: i maschi perlustrano il territorio per difenderlo da eventuali intrusi (soprattutto durante la stagione riproduttiva)  e il compito di gestire le interazioni tra i vari membri del gruppo sedando le “discussioni” prima che mi trasformino in liti aggressive.
Bisogna ricordare che il comportamento di difesa del territorio è strettamente legato agli ormoni sessuali.




I conigli domestici vivono in un ambiente in cui le ore di luce sono  molte anche d’inverno e per questo motivo la loro stagione riproduttiva spesso non termina in autunno (come in natura) ma prosegue per tutto l’anno. Per questo motivo difendono il  loro territorio allo stesso modo tutto l’anno.
La maggior parte dei conigli (sia maschi che femmine)  dopo la pubertà cominciano a marcare con l’urina persone e oggetti. Questo comportamento può essere interrotto con la sterilizzazione (soprattutto se è passato poco tempo dall’inizio dell’emissione di marcature urinarie).
A volte il comportamento può persistere se esistono conflitti con persone o altri animali all’interno del gruppo famigliare, se la sterilizzazione è stata tardiva o se sono presenti altre patologie comportamentali.
Le marcature sono una modalità di comunicazione molto utilizzata dai conigli (come in altre specie) e possiamo distinguerle in:

·         Marcature urinarie: su oggetti, luoghi, persone e animali.
·         Marcature fecali: feci depositate in luoghi ben visibili in determinati luoghi.
·         Marcature attraverso le secrezioni della ghiandola inguinale: escrete con le feci.
·         Marcature attraverso le secrezioni della ghiandola del mento: oggetti, luoghi, membri del gruppo.




Essendo i conigli animali fortemente territoriali è molto difficile inserire un nuovo coniglio in casa quando ne è presente già uno. Bisogna infatti stare attenti a valutare con attenzione l’adozione di un altro coniglio.
Un’altra caratteristica del coniglio è quella di essere un animale crepuscolare ( anche se spesso si adattano ai ritmi circadiani della famiglia umana) e possono avere dei picchi di attività soprattutto al mattino presto e alla sera.
Molto importante è insegnare al coniglio che esiste la possibilità di allontanarsi quando non gradiscono l’interazione e il proprietario deve essere in grado di capire quando il coniglio esprime disagio.
La comunicazione verbale nel coniglio è molto scarna.
La loro comunicazione si basa prevalentemente sulla prossemica e sulle posture ( comunicazione non verbale).
La comunicazione del coniglio è molto complessa e si basa su segnali sottili e difficilmente percepibili  per l’essere umano ma è fondamentale che il proprietario impari a cogliere i suoi segnali per evitare l’instaurarsi di patologie comportamentali legate alla relazione uomo-coniglio.


Articolo a cura dello Staff della Clinica Veterinaria Borgarello
Vuoi maggiori informazioni? Clicca e contatta la Clinica Borgarello oppure compila il modulo sottostante. Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con i tuoi amici e/o posta un commento, grazie.  


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Cerca in TGVET.net

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli