giovedì 17 dicembre 2009

Accrescimento e patologie scheletriche


Questo è un argomento che seguo oramai da oltre 10 anni e a cui tengo in modo particolare: con tale presentazione vorrei far conoscere a tutti voi quali sono le principali malattie scheletriche dell'accrescimento, la loro importanza, la loro diagnosi e la loro cura.Inizierò con una introduzione, a cui faranno seguito le regole d'oro della prevenzione, per arrivare all'elenco delle patologie più importanti. In un secondo tempo tratterò in modo approfondito ciascuna di queste.Esistono molte patologie ortopediche che originano nei primi mesi di vita e tutti i cani ne sono più o meno interessati: l'incidenza delle patologie varia però con la razza e la taglia dell'animale. Tutte queste malattie iniziano in modo subdolo nei primi mesi di vita per poi, se non diagnosticate in tempo e trattate, persistere ed aggravarsi lungo tutto il corso della vita del nostro cane. La diagnosi precoce riveste molta importanza sia per gli allevatori che per i proprietari di singoli soggetti: nel primo caso si potrà conoscere precocemente quali sono le attitudini riproduttive di un cucciolo, facendo risparmiare tempo e denaro ai selezionatori, nel secondo si otterranno informazioni sull'accrescimento del cucciolo e su eventuali terapie correttive che ne garantiscano il benessere per tutta la sua vita.Negli ultimi anni ci si è potuti avvalere di nuovi mezzi e tecnologie che, associati a particolari studi, hanno portato a conoscere quali sono le patologie più frequenti nelle singole razze. Questo nuovo modo di affrontare il problema viene definito BOA (Breed Orthopaedic Oriented Approach) o “approccio ortopedico orientato alla razza” e ci permette di focalizzare l'attenzione sopratutto su quelle che sono le patologie più frequenti: se abbiamo un cucciolo di dobermann non andremo di sicuro a cercare una lussazione della rotula o una necrosi della testa femorale, cosa che sicuramente faremo invece con un cucciolo di yorkshire terrier. Un altro esempio: in un cucciolo di boxer non cercheremo la displasia del gomito (quasi assente in questa razza) ma ci concentreremo eventualmente sulla spondilosi.Per poter affrontare e sconfiggere le patologie dell'accrescimento bisogna fare della seria medicina preventiva sui cuccioli e sui cuccioloni: nessuno di voi penserebbe di far arrivare a 6 mesi un cucciolo di qualunque razza senza svermarlo e vaccinarlo. Bisogna, al contempo, prodigarci per poter fare, oltre alle vaccinazioni, anche delle indagini su eventuali patologie ortopediche tali da creare dolore e problemi al nostro cucciolo adesso o nel futuro. Per il benessere dei nostri cani è molto importante che la medicina preventiva diventi una routine per tutti. Quali sono i dettami da applicare, le cosidette "regole d'oro":

1. La diagnosi precoce ci permette di arrestare le malattie o di ridurre la loro espressione

2. Non sottovalutare nessun sintomo: una zoppia in un cucciolo che persiste per più di qualche ora va indagata a fondo prima di attribuirla ad una causa banale.

3. Indagini di routine orientate alla razza del cucciolo: esistono piani di indagini diversi a seconda delle razze

4. Trattamenti medici e/o chirurgici quando necessari devono essere mirati e tempestivi: a volte è sufficiente agire su dei fattori ambientali per risolvere gravi problemi.

Tutto questo richiede una grande attenzione da parte del proprietario o dell'allevatore sia nell'accorgersi precocemente di eventuali sintomi o posture anomale (i cani purtroppo non parlano) che nel farsi indicare e nel rispettare quelle che sono le finestre di diagnosi ed intervento. Alcune malattie si possono vedere e curare solo a determinate età.Vediamo ora come dividiamo le malattie ortopediche che si possono riscontrare nei cuccioli:

a) Congenite: quali malformazioni o agenesie

b) Malattie dello sviluppo: tipo la displasia del gomito o dell'anca

c) Malattie acquisite: come le infezioni o i traumi.

Noi possiamo intervenire per correggere quelle del secondo gruppo che di solito, oltre a presentare una componente ereditaria, vengono favorite da uno o più fattori ambientali e limitate da altri. Vediamo ora alcuni dei fattori da tenere in considerazione:

- la razza: alcune manifestano più di altre determinate patologie, ad esempio nel Bovaro Bernese è molto diffusa l'artrosi conseguente al complesso della displasia del gomito.

- La crescita molto rapida o l'eccesso di peso che portano a stressare precocemente e di più le articolazioni, aumentando la gravità di un eventuale problema

- Iperattività: i cuccioli son sanno limitarsi nel gioco e nell'esercizio fisico.

- L'ereditarietà: solo la scelta dei giusti riproduttori può influenzare in modo positivo la limitazione di alcune patologie.Prima di passare a fare un elenco delle patologie che vi illustrerò dettagliatamente voglio ricordarvi quali sono i capisaldi della prevenzione: le prime indagini potrebbero essere eseguite già a quattro o cinque mesi a seconda della razza, se avete dei dubbi chiedetemi serenamente, sarò ben felice di potervi essere di aiuto.


Le patologie più importanti a cui dobbiamo far fronte sono:

- Incompleta ossificazione dei condili omerali (IOHC)
- Lussazione della rotula
- OCD
- Osteomielite
- Panosteite eosinofilica
- Patologie delle fisi
- Sindrome iperflessoria/iperestensoria del carpo
- Altre minori


Nel breve futuro tratterò dettagliatamente ciascuna di queste patologie o gruppo di malattie, prima di lasciarvi voglio ancora raccontarvi una storia:“ Il piccolo cucciolo che portate a casa è come il ragazzo/a appena conosciuto, dolce tenero coccolone e sopratutto senza difetti. Dopo un po' di tempo vi accorgete che il ragazzo/a oramai diventato fidanzato/a, a ben guardare ha un paio di lievi difettucci che fra di voi considererete delle inezie perchè sicuramente spariranno con il tempo! Allo stesso modo il vostro cucciolo potrebbe avere qualche segno, più o meno evidente: ma non sempre visibile ad occhio nudo, di qualcosa non perfettamente a posto. Col passare degli anni, sicuramente molto dopo il matrimonio vi accorgerete che quel piccolo difettuccio anziché sparire è diventata una spina nel fianco, spesso mal tollerabile e allo stesso modo quando ormai il vostro tenero cucciolo sarà diventato adulto potreste scoprire che il piccolo segno si è trasformato in una fastidiosa patologia cronica. La morale: non sempre aspettare è la soluzione migliore.”Questo articolo e le malattie nel dettaglio verranno inserite nella sezione approfondimenti scentifici del nostro sito e ogni uscita verrà segnalata nelle news con il relativo link.

Grazie e a presto per la pubblicazione delle singole malattie.
LINK:
             *  Displasia dell'anca
             *  Displasia del gomito
             *  Necrosi asettica della testa del femore
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed o alla newsletter per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti di TGVET.net.
Lascia un commento per dire la tua o per chiedere informazioni

Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

Ultimi 10 articoli pubblicati

Gli autori degli articoli



Inserisci il nostro link nel tuo sito: